giovedì 29 settembre 2016

Audiolibro Fantasy: "Forze Ancestrali" di Andrea Zanotti, letto da Katia Monaco

News n°3/2016
Firenze 29 settembre 2016

Finalmente un audiolibro Fantasy tratto dal primo volume della trilogia Infiniti Mondi:"Forze Ancestrali" di Andrea Zanotti e letto da Katia Monaco.
Un altro audiolibro particolare, riservato agli amanti del Fantasy.
Oltre 16 ore di ascolto.

 Forze Ancestrali
(Clicca qui per ascoltarne un brano.)

Forze Ancestrali è il primo volume della trilogia Mondo Uno. Dei, Antichi, Titani, Angeli di Fuoco e Domatori di Demoni fanno da tramite fra gli uomini e questa realtà non-ordinaria e vengono richiamati, a caro prezzo, al fianco dei mortali per assecondarne i fini o deluderne le aspettative.

E' la profezia che riguarda l'incarnazione di Samael, figlio del Dio del Fuoco Asul a dare l'incipit alla catena di eventi che coinvolgerà imperi distanti fra loro, sia geograficamente sia culturalmente. Innanzi all'avanzata dell'orda di fedeli di Asul, decisi a sradicare e purificare ogni cultura differente da quella professata dal figlio di Dio, i Regni saranno costretti a cancellare rancori antichi di millenni per organizzare una comune difesa sfruttando le rispettive qualità militari e risvegliando creature forse ancor più pericolose di Samael stesso.

Forze Ancestrali è un fantasy cupo, realistico e crudo. La vicenda è esposta sfruttando i diversi punti di vista, rendendo il lettore diretto partecipe delle emozioni e dei convincimenti di uomini agli antipodi e invitandolo a riflettere sulla pochezza della distinzione fra bene e male, concetti che spesso riteniamo fin troppo distinti e invece capaci spesso di fondersi e mescolarsi fra loro.
Link a recensioni:

L’AUTORE – Andrea Zanotti è nato a Bolzano nel 1977 e si è laureato nel 2002 in economia e commercio presso l’università di Trento. Forze Ancestrali è il primo volume di una trilogia fantasy che con cui ha dato il via al progetto “Infiniti mondi”, un non luogo che fornirà l’habitat ideale per scrittori indipendenti e lettori attenti, desiderosi di liberarsi del paraocchi imposto loro dalle case editrici dominanti e dagli editori a pagamento.


Un buon ascolto tutti i nostri soci (6.550)!

mercoledì 18 maggio 2016

Minimo ottocento di Luciano Luciani



News n°2/2016
Firenze 17 Maggio 2016
Annunciamo l'uscita dell'audiolibro tratto da:"Minimo ottocento". Una raccolta di 14 brevi saggi scritti da Luciano Luciani e letti da Sandra Tedeschi.
Con questo audiolibro particolare, riservato agli amanti della storia, il Club degli Audiolettori prova ad allargare i propri orizzonti anche alla saggistica.

(Clicca qui per ascoltarne un brano.)

Nato a Roma, Luciano Luciani vive e lavora a Lucca. In passato docente di italiano e latino, ha sempre avuto in grande stima i suoi studenti e in altrettanta uggia i dirigenti scolastici. Sfornito di patente di guida, conduce vita appartata. Un po' per celia e un po' per non morire, da oltre trent'anni collabora con tutte le testate locali e nazionali che dimostrano una qualche attenzione per le sue "robe": noterelle di microstoria, di letterature minori, di varia e trascurata umanità. Ama i gatti, gli antichi toscani, i gialli nerissimi.

Saggi:

1 I bordi frastagliati e taglienti della nostra storia nazionale
2 Randagio è l'eroe: Agostino Codazzi
3 Breve storia di un autentico uomo libero: Pietro Maroncelli
4 Baffi e tiranni
5 La musa discreta e gentile di Antonio Peretti
6 Alessandro Calandrelli: ufficiale e gentiluomo
7 Artisti Usa sui sette colli tra il "sogno d'Arcadia e quello della Repubblica
8 Tra voglia di patria e bisogno di pace
9 Memoria e storia di un esploratore crepuscolare: Gaetano Osculati
10 Tito Strocchi e il Risorgimento a Lucca
11 Una nobile follia contro la guerra e gli eserciti
12 Antonio Stoppani: sacerdote e patriota, scienziato e divulgatore
13 Parole e musica di un anno durissimo
14 Il Risorgimento secondo Gramsci
15 Il socialismo risorgimentale di Manara Valgimigli


Un buon ascolto tutti i nostri soci (6.602)!



martedì 5 aprile 2016

Audiolibro di Marco Vichi

E' con grande emozione che annunciamo l'uscita dell'audiolibro: "Trappola per Ubriachi" una raccolta di 11 racconti scritti da Marco Vichi e letti da Sandra Tedeschi.

Carrello

(Clicca qui per ascoltarne un brano.)



Marco Vichi , [Firenze, 1957], figura rilevante fra gli scrittori italiani, pubblica romanzi e racconti dal 1999, e nel 2002 inizia la fortunata serie del Commissario Bordelli. Ha scritto sceneggiature, testi teatrali, testi per canzoni, cura antologie di letteratura, scrive su quotidiani e riviste nazionali.

Racconti:
1 Denti
2 Tris di picche
3 Celo, manca...
4 Trappola per ubriachi
5 Mattone su mattone
6 Corpo mondo
7 Prede
8 Quella casa
9 Maria
10 Messaggio sbagliato
11 Ma chi è 



Un buon ascolto tutti i nostri soci (6.510)!

martedì 26 gennaio 2016

Tre Donne di Bruno Sperani, letto da Katia Monaco

Vi annunciamo l'uscita dell'audiolibro: "Tre Donne" scritto da Bruno Sperani alias Beatrice Speraz, letto da Katia Monaco.


Tre Donne
(Clicca qui per ascoltarne un brano.)



Bruno Sperani, pseudonimo di Vincenza (Beatrice) Speraz , nata a Spalato, in Dalmazia nel 24 di luglio1839. Nata da Elena Alessandri, donna della vecchia nobiltà provinciale, e da Marino Pare-Spèrac, slavo di modeste origini. Rimasta orfana in giovane età di entrambe i genitori, viene allevata in Istria da parenti della madre. Appena compiuti i 18 anni la maritano forzatamente con Giuseppe Vatta, che non ama, ma da cui avrà tre figli. Alla soglia dei trent’anni, innamoratasi del triestino Giuseppe Levi, Beatrice abbandona la famiglia e si rifugia in un’unione forzatamente clandestina con l’amato di antica famiglia triestina. La coppia si trasferisce a Bologna, ed avranno quattro figlie che sono ancora bambine quando il padre viene a mancare, nel 1875, lasciando la moglie nella necessità di provvedere autonomamente al loro sostentamento. Si mette così a scrivere e nel 1876 pubblica la sua prima novella. Vive a Milano dal 1876 e qui descrive le attività del mondo operaio e socialista. Nel 1885 conosce il pittore Vespasiano Bignami, a cui la lega da subito una profonda passione ricambiata, che potrà però coronarsi soltanto nel 1914, quando, in seguito alla morte di Vatta, i due godranno del diritto a congiungersi in matrimonio. Grazie alla raggiunta serenità affettiva, Beatrice può finalmente dedicarsi completamente all’attività letteraria, che conosce dalla metà degli anni Ottanta una stagione lavorativa particolarmente intensa e felice. Sofferente in salute negli ultimi anni, Beatrice Speraz si spegne nella notte del 2 dicembre 1923, amorevolmente assistita da Bignami.
Trama:

Ci voleva una donna, costretta a scrivere con lo pseudonimo di un uomo, per cogliere l'essenza della vita e delle vicende delle contadine della Lombardia nella fine dell'800. Uno scorcio davvero avvincente.



martedì 20 ottobre 2015

Audiolibro Anna dai capelli rossi di Lucy Maud Montgomery

Vi annunciamo l'uscita dell'audiolibro: "Anna dai capelli rossi" scritto da Lucy Maud Montgomery, letto da Claudia Giannelli.

Un piacevole ascolto per tutti gli adulti:

Anna dai capelli rossi Carrello Anna dai capelli rossi

(Clicca qui per ascoltarne un brano.)



Lucy Maud Montgomery nacque a Clifton, il 30 novembre 1874. Sua madre, Clara morì di tubercolosi quando Lucy aveva 1 anno e 9 mesi. Affranto dal dolore suo padre Hugh John Montgomery affidò la figlia ai nonni e in seguito si trasferì diverse volte per lavoro. Maud andò a vivere con i nonni materni nei pressi di Cavendish e fu educata in modo rigoroso e severo. La sua infanzia fu molto solitaria e la Montgomery attribuì a questo periodo della sua vita, in cui si creava amici e mondi immaginari per contrastare la solitudine, l'aver sviluppato una mente creativa.
Nel 1889 ebbe un flirt col suo compagno di scuola Nate Lockhart, ma per lei si trattava solo di una simpatica amicizia e la relazione si interruppe bruscamente quando rifiutò di sposarlo.
Dopo un lungo viaggio in treno in compagnia del suo nonno materno, il Senatore Montgomery, fra il 1890 ed il 1891 visse a Prince Albert (Saskatchewan) con suo padre, che vi si era trasferito con la seconda moglie Mary Ann McRae. Sebbene Maud amasse molto il padre, la convivenza con la bisbetica matrigna si dimostrò difficile e alla fine Maud ritornò dai nonni.
A 16 anni ebbe luogo la sua prima pubblicazione: la poesia "On Cape LeForce", nel numero di novembre 1890 del giornale The Daily Patriot. A Prince Albert frequentò la scuola locale dove il suo maestro, John A. Mustard, iniziò a corteggiarla ma lei lo considerava di mente ristretta. Si intensificò anche l'amicizia con Will Pritchard, fratello della sua compagna di scuola Laura, ma anche in questo caso lui era più coinvolto di lei, che lo considerava solo un buon compagno. Tuttavia rimasero in corrispondenza fino al 1897, quando Will si ammalò di influenza e morì.
Contro il volere del nonno Macneill, ma con l'appoggio della nonna, nel 1893 Maud si iscrisse al Prince of Wales College di Charlottetown per conseguire il diploma di insegnante, che ottenne svolgendo il programma biennale in un solo anno. Grazie ai soldi risparmiati con un anno di insegnamento a Bideford (PEI), nel 1895 e 1896 studiò con successo Letteratura alla Dalhousie University (ad Halifax in Nova Scotia), ma non poté proseguire gli studi per mancanza di denaro. Ricominciò dunque ad insegnare nelle scuole dell'isola, compito che svolgeva ottimamente ma che la portava lontana da casa e dagli affetti. Cominciò a pubblicare con sempre maggiore frequenza racconti e poesie su giornali e riviste, procurandosi così anche qualche entrata economica.
Nel 1897 insegnò a Belmont, dove, in uno dei suoi periodi depressivi accettò la proposta di fidanzamento di Edwin per desiderio di "amore e protezione" e perché sentiva che le sue prospettive erano molto calate. Tuttavia l'anno dopo si trasferì a Lower Bedeque per insegnare ed ebbe una breve ma appassionata storia d'amore con Herman Leard, un membro della famiglia da cui era a pensione. Al suo ritorno ruppe il fidanzamento con Edwin. Nel 1898 ritornò a Cavendish per vivere con la sua nonna. In questo periodo felice si fidanzò segretamente con Ewen Macdonald (1870–1943), il nuovo parroco di Cavendish. Nel 1908 fu pubblicato il suo primo romanzo Anne of Green Gables, che ebbe un successo immediato e la consacrò definitivamente come scrittrice, attività che svolse con costanza per il resto della vita.
Nel 1911, poco dopo la morte della nonna, Montgomery sposò Ewen e si trasferirono entrambi in Ontario dove il marito fu incaricato della chiesa di St. Paul a Leaskdale (ora Uxbridge Township). Montgomery scrisse 11 libri nella locale canonica, che ora ospita il Lucy Maud Montgomery Leaskdale Manse Museum.
I Macdonald ebbero tre figli: Chester, Hugh (nato morto) e Stuart. L'aumentare degli scritti nel periodo di Leaskdale è dovuto alla necessità di evadere dalla durezza della vita reale. Montgomery ebbe diversi periodi di depressione nel tentativo di far fronte ai doveri della maternità e della vita della chiesa, gli attacchi di melanconia religiosa ed il deterioramento della salute del marito. Inoltre, durante questo periodo, fu impegnata in una serie di aspri e costosi processi con il suo primo editore L.C. Page, che si trascinarono fino al 1929, concludendosi con la sua vittoria.
Montgomery smise temporaneamente di scrivere libri su Anne nel 1920, poiché, come scrive nel suo diario, si era stancata di questo personaggio. Preferiva invece creare libri su altri giovani personaggi femminili, sentendo che la sua forza stava nei personaggi che erano o molto giovani o molto vecchi. Scrisse le serie di "Emily" e "Pat", oltre a romanzi singoli, che, pur di successo, non hanno raggiunto lo stesso livello di accettazione del pubblico come i volumi di "Anna".
Nel 1926 la famiglia si trasferì a Norval (ora Halton Hills, Ontario), dove ora si trovano un museo ed un giardino a lei dedicati. Nel 1935, dopo il pensionamento di suo marito, la Montgomery si trasferì a Swansea, Ontario, un sobborgo di Toronto, dove acquistò una casa vicino al fiume Humber chiamandola Journey's End ("Fine del viaggio"). Qui continuò a scrivere e in particolare dopo 15 anni riprese il personaggio di Anna, colmando alcuni vuoti nella cronologia di questo personaggio.
L. M. Montgomery morì il 24 aprile 1942; accanto al suo letto fu trovato un biglietto che diceva tra l'altro "Ho perso la mia mente tra gli incantesimi e non oso pensare cosa posso fare in queste magie. Che Dio mi perdoni e mi auguro che tutti gli altri mi perdoneranno, anche se non possono capire. La mia situazione è troppo terribile da sopportare e nessuno se ne rende conto. Che fine per una vita in cui ho cercato sempre di fare del mio meglio." Tuttavia a quel tempo fu data notizia che fosse morta di trombosi coronarica. Fu la pronipote Kate Macdonald Butler a rendere noto il biglietto nel 2008, sostenendo che Maud potrebbe essersi tolta la vita con una overdose di medicinali. Tuttavia secondo Mary Rubio, autrice della biografia Lucy Maud Montgomery: The Gift of Wings (2008), il messaggio era destinato ad essere una nota del diario piuttosto che un biglietto d'addio.
II corpo di L. M. Montgomery fu trasportato a Cavendish e, dopo la veglia funebre nel casale Green Gables, il funerale fu celebrato nella locale Chiesa Presbiteriana e la scrittrice fu sepolta nel Cavendish Community Cemetery. Un anno dopo fu tumulato nella stessa tomba anche il marito.
Durante la sua vita, Montgomery ha pubblicato 20 romanzi, più di 500 racconti, una autobiografia, e un libro di poesie. Consapevole della sua fama, nel 1920 Montgomery iniziò a rieditare e ricopiare i suoi diari, presentando la sua vita come voleva che fosse ricordata. Quindi sono stati modificati o omessi alcuni episodi. I suoi archivi sono conservati presso l'Università di Guelph, mentre il LM Montgomery Institute presso l'Università di Prince Edward Island coordina la maggior parte delle ricerche e conferenze che riguardano il suo lavoro. La prima biografia di Montgomery fu The Wheel of Things: A Biography of L.M. Montgomery (1975) scritta da Mollie Gillen. La Dott.ssa Gillen scoprì più di 40 lettere di Montgomery al suo amico di penna George Boyd MacMillan in Scozia e le utilizzò come base per il suo lavoro. A partire dal 1980 i suoi diari completi, a cura di Mary Rubio e Elizabeth Waterston, sono stati pubblicati dalla Oxford University Press. Dal 1988 al 1995, Rea Wilmshurst ha raccolto e pubblicato numerosi racconti di Montgomery.
Nonostante il fatto che Montgomery avesse pubblicato oltre venti libri, non ha mai sentito di essere riuscita a scrivere un 'grande' libro. I suoi lettori, però, hanno sempre trovato i suoi personaggi e le storie tra i migliori mai creati. Mark Twain ha detto che Anne è stata "la più cara, più commovente e deliziosa bambina dopo l'immortale Alice". Montgomery ebbe l'onore di essere la prima donna in Canada ad essere nominata membro della Royal Society of Arts in Inghilterra e di essere investita dell'Order of the British Empire nel 1935.
La Casa di Montgomery di Leaskdale e la zona circostante Green Gables e la sua casa Cavendish in Prince Edward Island sono stati entrambi designati Siti storici nazionali del Canada (National Historic Sites of Canada). Montgomery è stata designata una persona di importanza storica nazionale (Person of National Historic Significance) da parte del governo del Canada nel 1943.

Nel corso degli anni sono stati prodotti numerosi adattamenti del romanzo della Montgomery. Vanno ricordati i due film cinematografici: Fata di bambole del 1919, film muto diretto da William Desmond Taylor e con protagonista Mary Miles Minter nel ruolo di Anne. Questa pellicola è considerata perduta, in quanto si ritiene che non ne esista più alcuna copia. Anne of Green Gables invece è un film del 1934, diretto da George Nichols Jr., e con protagonista Dawn O'Day. Dopo questo film, la O'Day cambiò definitivamente il proprio nome d'arte in Anne Shirley.

Dagli anni cinquanta ad oggi sono stati svariati anche gli adattamenti teatrali e televisivi della storia di Anne Shirley, tra i quali acquisì molta popolarità a cavallo fra gli anni settanta e ottanta del secolo scorso l'anime Anna dai capelli rossi diretto da Isao Takahata. Gli adattamenti più recenti rimangono la miniserie televisiva Anna dai capelli rossi del 1985 e la serie a cartoni animati Anne of Green Gables: The Animated Series del 2000 entrambe prodotte dalla canadese Sullivan Entertainment.

Trama:

Anna dai capelli rossi, noto anche come Anna dei Tetti Verdi, oppure Anna dei Verdi Abbaini (Anne of Green Gables), è il primo libro della saga. Uno spaccato di vita canadese dei primi del '900, dove seguiremo la crescita di Anna dagli 11 anni. Un libro adatto a tutti , e non solamente per i bambini, come erroneamente etichettato.

Due anziani fratelli, non sposati: Marilla e Matthew Cuthbert, che vivono insieme ad Avonlea, nel Canada, decidono di adottare un orfano, per farsi aiutare nei lavori alla fattoria Green Gables, dove vivono. Ma per un disguido, dall'orfanotrofio al posto di un ragazzo, arriva Anna, fuori di sé dalla gioia per aver trovato finalmente una casa e una famiglia. Matthew, uomo taciturno e misogino, ma di animo sensibile, rimane subito conquistato da questa strana bambina dall'aspetto magrolino, con grandi occhi verdi ed i capelli rossi fiammanti.

 Saga di Anna dai capelli rossi:

(L'ordine dell'elenco segue lo svolgersi della trama e non l'anno di pubblicazione)

Anna dai capelli rossi (1908)

Anna dai capelli rossi l'età meravigliosa (1909)

Anna dai capelli rossi il baule dei sogni (1915)

Anna dai capelli rossi la casa dei salici al vento (1936)

Anna dai capelli rossi la baia della felicità (1917)

Anna dai capelli rossi la grande casa (1939)

La valle dell'arcobaleno (1919)



Un buon ascolto tutti i nostri soci (6.531)!

domenica 3 novembre 2013


Vi annunciamo l'uscita dell'audiolibro: "La valle della paura" scritto da Arthur Conan Doyle, letto da Claudia Giannelli.

 

Ascolta un brano


 

(Clicca qui per ascoltarne un brano.)

 

 

Vi ricordiamo che questo è il terzo audiolibro della serie di Sherlock Holmes.




Sir Arthur Conan Doyle (Edimburgo, 22 maggio 1859Crowborough, 7 luglio 1930) fu uno scrittore, medico e poeta scozzese considerato, insieme ad Edgar Allan Poe, il fondatore di due generi letterari: il giallo e il fantastico. In particolare, Doyle è il capostipite del sottogenere noto come "giallo deduttivo", reso famoso dal personaggio dell'investigatore Sherlock Holmes; la produzione dello scrittore, tuttavia, spazia dal romanzo d'avventura alla fantascienza, dal soprannaturale ai temi storici.


Ciclo di Sherlock Holmes

(un totale di 59 racconti, 4 romanzi e 3 commedie teatrali)

Uno studio in rosso (A study in scarlet - 1887), romanzo

Il segno dei quattro (The Sign of Four - 1890), romanzo. Presente come audiolibro al Club degli Audiolettori.

Le avventure di Sherlock Holmes (The adventures of Sherlock Holmes - 1892), volume di racconti

Le memorie di Sherlock Holmes (The memoirs of Sherlock Holmes - 1894), volume di racconti

La fiera per il campo (The field bazaar - 1896[3]), racconto

L'avventura dell'uomo alto (The adventure of the tall man), racconto incompiuto, 1900 circa

Il mastino dei Baskerville (The hound of Baskervilles - 1902), romanzo. Presente come audiolibro al Club degli Audiolettori.

Il ritorno di Sherlock Holmes (The return of Sherlock Holmes - 1905), volume di racconti

La valle della paura (The Valley of Fear - 1915), romanzo. Presente come audiolibro al Club degli Audiolettori.

L'ultimo saluto di Sherlock Holmes (His last bow - 1917), volume di racconti

Come Watson imparò il metodo (How Watson learned the trick), 1924, racconto

Il taccuino di Sherlock Holmes (The casebook of Sherlock Holmes - 1927), volume di racconti

Sherlock Holmes (1899), commedia teatrale, scritta con William Gillette

Il diamante della corona (The crown diamond) (1910), commedia teatrale, tratta dai racconti "L'avventura della pietra di Mazzarino" e "L'avventura della casa vuota"

La banda maculata (The speckled band) (1910), commedia teatrale, tratta dal racconto "L'avventura della banda maculata"

Sherlock Holmes: Il cas dal rubin turchin, Traduzion par furlan di Douglas B. Gregor, Clape cultural Aquilee, Gurize 1981

Sherlock Holmes: Il cas des gimulis Stoner, Traduzion par furlan di Douglas B. Gregor, Clape cultural Aquilee, Gurize 1983

martedì 2 aprile 2013

Clicca qui, per ascoltare un brano!

E' uscito il nuovo audiolibro: "Papà Gambalunga" di Jane Webster, letto da Sandra Tedeschi.
Questa la trama:
Jerusha Abbot è una trovatella, il suo cognome è stato preso a caso dall'elenco telefonico e il suo nome da una tomba del vicino cimitero.
A 18 anni, sembra destinata a rimanere nell'orfanotrofio come istitutrice, ma un ignoto e ricco membro del consiglio dell'istituto, che desidera rimanere anonimo, decide di offrirle la possibilità di frequentare l'università. Come unica condizione pone che Jerusha gli scriva periodicamente. L'unica immagine che la ragazza ha di questo eccentrico personaggio, è la sua lunga ombra dalle gambe sottili proiettata contro una parete dalla luce radente dei fari della sua automobile: la ragazza deciderà quindi di soprannominare il suo tutore "Papà Gambalunga".

Mentre dell'autrice Jean Webster, sappiamo poco:

Jean Webster, pseudonimo di Alice Jane Chandler Webster (Fredonia, 11 luglio 1876 – New York, 11 giugno 1916), è stata una scrittrice statunitense.

Sua madre era la nipote dello scrittore Mark Twain.

Il suo romanzo più noto è Papà Gambalunga, scritto nel 1912 ed adattato nel film omonimo con Fred Astaire e Leslie Caron (1955). Più recentemente il romanzo è stato riproposto in una serie animata giapponese (1991) ed in un film coreano (2004).

La scrittrice è morta prematuramente a New York a causa di complicanze di parto.